La mostra

18 PLANCE IN PVC

18 plance in pvc di dimensioni 2m x 1,30m. Completamente calpestabili

2 SPECCHI

2 specchi di dimensioni 2m x 0,90m con mezza figura d'uomo e una poesia di Erri De Luca.

1 PUBBLICAZIONE

100 pagine a colori in formato A6 con testi e foto, edita da Chiama l'Africa.

Minerali clandestini

Una mostra eretica, sia per il soggetto che propone che per gli spazi nella quale viene inserita.

La mostra Minerali clandestini rappresenta la realtà, specie quella delle miniere e dei minatori, insieme ad un po’ di sociologia. Lo scavo, il controllo da parte delle milizie illegali, la guerra per il possesso dei giacimenti, i massacri, il commercio, il trasporto verso le navi per l’esportazione. E poi la mano d’opera sfruttata, l’assenza di sicurezza sul lavoro, i crolli nelle miniere, le multinazionali del settore, la corruzione.

E il silenzio assordante del mondo intero.

Le ultime plance sono dedicate al tardivo risveglio dei governi e della società; per fermare le guerre e le varie barbarie e per un utilizzo della tecnologia che non sia dipendente da sole logiche di profitto e di sfruttamento.  

Gallery

Guarda i "viaggi" della mostra in Italia

Promotori

Logo Chiama l'Africa
  Siamo persone, enti e associazioni impegnati a diffondere nel nostro paese una conoscenza più approfondita del continente africano, attraverso convegni, campagne di sensibilizzazione e pressione e campi di lavoro e studio.
Logo Associazione Muungano
  Siamo religiosi, amici, volontari, italiani e africani, una COMUNITÀ che cammina con il popolo congolese. Ci occupiamo di solidarietà internazionale, accoglienza stranieri e mercatino dell'usato.

Partner

Notizie sul tema #mineraliclandestini

Notizie dagli eventi #mineraliclandestini

"L'Africa è l'utero della specie umana.
L'Africa è la miniera prima.
L'Africa è la rapina più antica, schiavi, oro, diamanti, petrolio.
L'Africa è la più grande valanga di accuse al resto del mondo.
L'Africa ci chiamerà in giudizio
La sua sentenza sarà mite e spietata.
Dichiariamoci tutti maledetti figli suoi."

Erri De Luca per Minerali Clandestini